garanzia giovani sfiaPurtroppo un recente studio prodotto da Centro Studi Imprese e Lavoro sembra dimostrare che la montagna di soldi destinati a favorire l’occupazione giovanile, particolarmente colpita dalla crisi e dalle politiche economiche delle istituzioni, non sarebbe stata spesa bene e soprattutto non avrebbe portato ai risultati attesi.

In effetti i soldi stanzianti non sono pochi, con tre principali fonti di finanziamento, due europee ed una a co-finanziamento nazionale si arriva ad un ammontare di un miliardo e cinquecentotredici milioni di euro versati dallo YEI dal FSE e dallo Stato italiano, a fronte di questi importi di tutto rispetto mirati ad agevolare i lavoratori delle fasce 15 – 24 anni e quelli della fascia 25 – 29 anni che in totale ammontano a 1.274.000 under 25 e 980.000 nella seconda fascia per un totale di 2.254.000, ci si sarebbe aspettato un deciso miglioramento della occupazione che invece non si è visto.

ue-soldiNello studio infatti si evidenza come solo 250.770 siano state le richieste di adesione e (cosa ancora più preoccupante) di queste sarebbero state prese in carico dal sistema Garanzia Giovani solo 59.150 portando così le cifre messe a disposizione a dei rapporti tra costi/benefici imbarazzanti:

ogni offerta di lavoro ci è costata € 58.700,00
ogni ragazzo preso in carico ci è costato € 25.747,00

per un approfondimento maggiore seguire il link dello studio di Centro Studi Impresa Lavoro