MILANO – Presentato dalla Regione Lombardia un pacchetto di interventi in favore dell’occupazione, previsti cinque bandi di gara tramite i quali saranno erogati circa 103 milioni di euro.

I finanziamenti sono assegnati tramite il sistema delle “Doti”. Prevedono l’erogazione di due diverse tipologie di “Dote lavoro”, ovvero “Ricollocazione e riqualificazione” e “Tirocini per i giovani”, due “Doti impresa” (“Sicurezza nei luoghi di lavoro” e  “Formazione imprenditori”) e una “Dote formazione assistenti familiari”.

Nel dettaglio, la “Dote lavoro” “Ricollocazione e riqualificazione” è il provvedimento cui è destinata la più grande parte dei fondi, circa 81 milioni di euro. La misura va a favore di lavoratori in cassa integrazione e in mobilità che rispondendo al bando in uscita oggi, 10 aprile, potranno fruire di servizi per un valore pari a circa 3.000 euro, da spendere presso operatori qualificati e accreditati per servizi di orientamento, formazione e ricerca lavoro, o in percorsi di avvio all’autoimprenditorialità o per acquisire competenze necessarie al mantenimento del posto di lavoro. Interessante evidenziare che il compenso che riceveranno gli operatori sarà commisurato al livello di successo dell’operazione di ricollocazione e riqualificazione del lavoratore.

Altra misura è la “Dote Lavoro” “Tirocini per i giovani” destinata a interventi personalizzati di inserimento in azienda per i giovani. Possono fare domanda tutti i giovani di età compresa tra i 18  ei 29 anni, inoccupati e residenti in Lombardia, che vogliano usufruire dei servizi di un operatore accreditato tramite il quale avviare tirocini in azienda della durata massima di 6 mesi. Nel momento in cui l’azienda decidesse di trasformare il tirocinio in assunzione sarà riconosciuta a questa un bonus pari a circa 2.500 euro per contratti a tempo determinato e di 5.000 euro per contratti a tempo indeterminato. Il bando è stato pubblicato il 28 marzo.

 

Con la “Dote impresa” “Sicurezza sul lavoro”, cui sono destinati fondi pari a 9 milioni di euro, si offre la possibilità agli addetti alla scurezza delle piccole e micro imprese lombarde (cioè quelle che impiegano da 0 a 49 dipendenti) di usufruire di un voucher del valore massimo di 5.000 euro destinato all’innalzamento di conoscenze e competenze in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro. Le domande potranno essere presentate a partire dal prossimo 18 aprile.

Sempre in materia di formazione, attraverso la “Dote Impresa” “Formazione imprenditori” sarà possibile per i titolari di piccola e micro impresa, loro soci collaboratori o coadiuvanti d’impresa, ottenere un voucher del valore massimo di 5.000 euro che l’imprenditore potrà spendere partecipando a percorsi formativi volti ad acquisire le competenze necessarie al riposizionamento competitivo della sua impresa. L’imprenditore è tenuto a compartecipare per una quota del 30% ai costi del percorso intrapreso che potrà essere erogato, oltre che da organismi di formazione accreditati, anche presso università, consorzi d’università e altre istituzioni formative. Il bando sarà attivo a partire dal 3 maggio.

L’ultimo provvedimento, per cui la regione ha stanziato 2 milioni di euro, ovvero “Dote formazione assistenti familiari” è rivolto ai lavoratori impiegati in servizi alla persona e familiari con l’obiettivo di qualificare reti di operatori e servizi di assistenza alla persona e di favorire la regolarizzazione del lavoro nero. L’apertura del bando in questo caso è previsto per il prossimo 18 aprile.

Fonte: www.quotidianosicurezza.it