Il parlamento Europeo ha adottato una risoluzione che determina la diretta correlazione fra le ispezioni ed i controlli delle singole Autoratà Nazioni in materia di lavoro e il tasso di Sicurezza sul Lavoro e lavoro nero presente in tutta l’Unione. Proprio le ispezioni sistematiche sarebbero alla besa di una diminuzione dei rischi sul lavoro e del lavoro nero che riguarda percentuali significhe di lavorati 18,8% su scala europea con paesi addirittuura vicini alla soglia del 30%

La nuova risoluzione del Parlamento Europeo del 14 gennaio 2014 denominata “Ispezioni sul lavoro efficaci come strategia per migliorare le condizioni di lavoro in Europa” si affianca ad altre già precedentemente disposte in ambiti specifici e sottolinea nuovamente l’urgenza di un intervento coordinato a livello europeo per far fronte a questa emergenza, sottonineando anche come in diversi stati i finanziamenti preposti al funzionamento delle attività di ispezione siano stati tagliati per la riduzione delle spese pubbliche nazionali.

http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+TA+P7-TA-2014-0012+0+DOC+XML+V0//IT

Nella risoluzione si precisa come le ispezioni ed i controlli sulla sicurezza sul lavoro debbano essere svoltti da enti di natura pubblica ed indipendeti, mentre per le associazioni di natura sindacale viene previsto un ruolo di assistenza degli ispettori durante gli accertamenti, la centralità dei finanziamenti volti a garantire queste tipologie di controlli è anche riconosciuta dall’auspicio che la Comminsione fa nel vedere utilizzati a tal fine parte dei Fondi Strutturali Europei destinati agli interventi di coesione sociale.